eventi speciali


SEGANTINI - RITORNO ALLA NATURA

Regia: Francesco Fei
Produzione: Apnea Film e Diaviva
Distribuzione: Nexo Cinema
Origine: Italia -  2016
Genere: Documentario
Durata: 80 min
 
 
 
Prezzo: Intero €10 - Ridotto e Cinepass €8
 

Solo il 17 Gennaio - ore 20.30

Eccentrico, solitario, un “orso di montagna” capace di sentire nel profondo la forza magnetica delle Alpi ma anche l’energia pulsante racchiusa nelle grandi città ottocentesche. Giovanni Segantini (1858-1899) è stato uno dei più grandi divisionisti italiani, un pittore straordinario dal carattere selvaggio e irruento eppure poetico, aggraziato, scrupoloso.

A due anni dalla mostra milanese di Palazzo Reale, che ha celebrato l’impressionante bellezza della sua opera troppo a lungo trascurata raccogliendo oltre 200 mila visitatori in 4 mesi, ora sarà il grande schermo ad omaggiare uno dei pittori più importanti dell’Ottocento italiano, in perenne oscillazione tra divisionismo e simbolismo.

Dopo essersi aggiudicato il Premio del pubblico della sezione arte all’ultimo Biografilm Festival di Bologna, arriva infatti nelle sale italiane solo il 17 e il 18 gennaio 2017 il nuovo appuntamento della Grande Arte al Cinema: Segantini, ritorno alla natura, diretto da Francesco Fei, con Gioconda Segantini, Annie-Paule Quinsac, Franco Marrocco, Romano Turrini e con la partecipazione speciale di Filippo Timi. Il docu-film offrirà la possibilità di scoprire la storia singolare e straordinaria di Giovanni Segantini e della sua innata capacità di sentire la natura come fonte d’ispirazione artistica e spirituale guidandoci attraverso opere come La Ragazza che fa la calza della Kunsthaus di Zurigo, Le due madri, L’amore alla fonte della vita e L’Angelo della Vita della Galleria d’Arte Moderna di Milano, Mezzogiorno sulle Alpi e il celebre Trittico della Natura custodito a St. Moritz.

Nato ad Arco di Trento, di umili origini e con un tortuoso percorso di vita, Segantini riuscirà a diventare uno dei pittori più autentici dell’Ottocento italiano, pur spegnendosi ad appena 41 anni. Attraverso le strade, i borghi, le valli e i paesaggi alpini che segnarono l’opera e l’anima di un artista capace di colpire anche Vasilij Kandinskij (che confrontandolo con Rossetti e Böcklin, disse che Segantini, pur sembrando il più materiale dei tre, “adottò forme naturali definite, elaborate fin nei minimi particolari e (…) seppe creare figure astratte. Per questo, forse, è interiormente il meno materiale”), il documentario restituirà il ritratto di un uomo complesso, ricostruendo gli scenari della sua vita, mostrandone le opere, i colori e le scelte artistiche e interrogandosi su pensieri e ricordi di chi ha conosciuto e studiato a fondo il pittore trentino. L’interpretazione di Filippo Timi, che dà voce e volto a Segantini in alcune ricostruzioni storiche realizzate appositamente per questo film, mostrerà l’intensità delle lettere autografe del pittore e del suo sentire. Tra gli interventi d’eccezione, anche quello della nipote Gioconda Segantini, di Annie-Paul Quinsac, massima esperta dell’arte segantiniana, di Franco Marrocco, direttore dell’Accademia di Brera e di Romano Turrini, storico di Arco.


YOUR NAME

Regia: Makoto Shinkai
Design Personaggi: Masayoshi Tanaka
Direttore del Suono: Yō Yamada
Musica: RADWIMPS
Produzione: TOHO CO. LTD., CoMix Wave Films Inc., KADOKAWA CORPORATION, East Japan marketing & Communications Inc, AMUSE Inc., Lawson HMV Ent.Inc.
Distribuzione: Nexo Cinema
Origine: Giappone -  2016
Genere: Anime
Durata: 107 min

 
 
 
Prezzo: Intero €10 - Ridotto e Cinepass €8
 

Solo il 23 e il 24 Gennaio - ore 20.20

Mitsuha è una studentessa che vive in una piccola città rurale e desidera trasferirsi a Tokyo, nella grande metropoli dove ogni sogno si può realizzare. Taki è uno studente di liceo che vive proprio a Tokyo, ha un lavoro part-time in un ristorante italiano, ma vorrebbe lavorare nel campo dell’arte o dell’architettura. Una notte, Mitsuha sogna di essere un giovane uomo, si ritrova in una stanza che non conosce, ha nuovi amici e lo skyline di Tokyo si apre dinnanzi al suo sguardo. Nello stesso momento Taki sogna di essere una ragazzina che vive in una piccola città di montagna che non ha mai visitato. Ma quale sarà il segreto che si cela dietro questi strani sogni incrociati?

Uscito in Giappone lo scorso agosto e in lista per le nomination agli Oscar 2017, Your Name. si è trasformato in pochissimi mesi in uno dei più grandi successi cinematografici di sempre, con oltre 175,8 milioni di dollari incassati al box office nipponico. Un risultato da record che lo ha consacrato come il 5° più grande successo di tutti i tempi in Giappone e il 2° maggior successo anime del cinema giapponese, secondo solo a La Città Incantata, trasformandolo così nell’unico film d’animazione della storia capace di insidiare il successo dei titoli di Hayao Miyazaki. Al suo debutto in Cina, inoltre, Your name. si è posizionato primo al box office, raccogliendo così un altro risultato straordinario.

Makoto Shinkai è ormai considerato un maestro assoluto dell’animazione giapponese grazie alla sua straordinaria padronanza delle arti visive e la sua incredibile abilità narrativa. I suoi panorami iperrealistici e le sue atmosfere malinconiche hanno commosso e stregato milioni di fan in tutto il mondo. La CoMix Wave Inc., che ha dato vita a Your Name., rappresenta invece la punta di diamante nel panorama delle case di produzione “alternative” del cinema d’animazione asiatico. Un connubio perfetto che ha dato vita a un’alchimia straordinaria, pronta finalmente a sbarcare nei cinema di tutta Italia


RICCARDO III

Regia: Rupert Goold
Interpreti: Ralph Fiennes, Vanessa Redgrave
Produzione: Almeida Theatre

Distribuzione: Nexo Cinema
Origine: Regno Unito -  2016
Genere: Concerto
Durata: 195 min (nella durata è incluso l'intervallo di 20 min circa)
 
 
In inglese con sottotitoli in italiano
 
 
Prezzo: Intero €10 - Ridotto e Cinepass €8
 

Solo il 6 e 7 Febbraio

Riccardo III si colloca tra le opere giovanili di William Shakespeare e, secondo gli studiosi, venne composta presumibilmente nel periodo 1592-93. È proprio Riccardo III colui che, dopo aver perso la battaglia di Bosworth, pronuncia una delle frasi più celebri di tutta la produzione del drammaturgo di Stratford-upon-Avon, «Un cavallo, un cavallo! Il mio regno per un cavallo!».

Fratello di re Edoardo IV, per ottenere la corona Riccardo, duca di Gloucester, è disposto a tutto. Non esita così a uccidere il fratello maggiore e alla morte del re, assume il ruolo di protettore del regno e reggente, in attesa che il figlio e legittimo successore raggiunga la maggiore età. Ma una volta conquistato, il potere va mantenuto e ai primi crimini se ne devono sommare altri. Finché proprio chi li ha compiuti non ne diventa la vittima.

La tragedia, uno dei capolavori teatrali di tutti i tempi, è incentrata su questa potentissima figura di eroe negativo: un sinistro superuomo rinascimentale malato di egocentrismo e brama di potere. E racconta l'orrore senza tempo della crudeltà e la fascinazione perversa del sangue.